Cerca

TUTTI I PARTICOLARI IN CRONACA

Condividi questo articolo:

Tempo di lettura: 6 minuti

Antonio Manzini è un attore, sceneggiatore, regista e scrittore italiano nato a Roma il 7 agosto 1964. Ha frequentato l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico” e ha lavorato in diversi film e serie tv, tra cui “Linda, il brigadiere e…”, “Tutti per Bruno” e “Rocco Schiavone”. Manzini ha esordito come scrittore nel 2005 con il romanzo “Sangue marcio”, seguito da “La giostra dei criceti”. Nel 2013 ha pubblicato il primo romanzo della serie del vicequestore Rocco Schiavone, “Pista Nera”, che ha avuto un grande successo di pubblico e critica. La serie è composta da 11 romanzi, l’ultimo dei quali, “Tutti i particolari in cronaca”, è stato pubblicato a gennaio 2024. I romanzi di Manzini sono ambientati ad Aosta e dintorni e raccontano le vicende del vicequestore Rocco Schiavone, un poliziotto burbero e ironico che si trova ad affrontare casi di omicidio e criminalità in una piccola comunità di montagna. I libri di Manzini sono caratterizzati da una scrittura ironica e graffiante, da una trama avvincente e da personaggi ben delineati. Manzini ha vinto numerosi premi letterari, tra cui il Premio Scerbanenco nel 2013, il Premio DeA Planeta nel 2015 e il Premio Bancarella nel 2017. I suoi romanzi sono stati tradotti in diverse lingue e sono stati adattati in una serie tv di successo trasmessa da Rai 2. Altri libri di Antonio Manzini: “L’accattone” (2012), “Le ferie di agosto” (2013), “Buon Natale, Rocco” (2013), “La ruzzica de li porci” (2014), “Rocco va in vacanza” (2014), “Sull’orlo del precipizio” (2015), “Orfani bianchi” (2016), “Gli ultimi giorni di quiete” (2020), “Ah l’amore l’amore” (2020), “Vecchie conoscenze” (2021), “Le ossa parlano” (2022), “ELP” (2023). Antonio Manzini è uno degli scrittori italiani più popolari del momento. I suoi romanzi sono gialli di alta qualità che combinano suspense, ironia e introspezione psicologica.

 

I personaggi di “Tutti i particolari in cronaca”

I personaggi di “Tutti i particolari in cronaca” sono ben delineati e complessi. Sono persone con le loro debolezze e i loro punti di forza, che si confrontano con le difficoltà della vita quotidiana e con i lati oscuri della natura umana.

Rocco Schiavone è il personaggio più interessante del romanzo. È un uomo tormentato da un passato difficile, che ha perso la fiducia nelle persone e nelle istituzioni. È un antieroe, un personaggio controverso che non si piega alle regole e che spesso agisce al di fuori della legge. Tuttavia, è anche un uomo con un forte senso della giustizia e una grande umanità.

Piera De Luca è un personaggio femminile forte e indipendente. È una donna intelligente e sensibile, che sa come tenere testa a Schiavone. È un punto di riferimento per il vicequestore, una persona di cui si fida e con cui può confidarsi.

Sebastiano Zampieri è un giovane poliziotto entusiasta e volenteroso. Ammira Schiavone e cerca di imparare da lui. È un personaggio positivo e idealista, che crede nella giustizia e nel valore del suo lavoro.

Furio Tartaglia è un personaggio ironico e burlone, che sa come alleggerire la tensione. È un amico leale di Sebastiano e un collega affidabile.

I personaggi secondari sono ben caratterizzati e contribuiscono a rendere la storia più ricca e interessante.

I personaggi di “Tutti i particolari in cronaca” sono uno dei punti di forza del romanzo. Sono persone reali e credibili, con cui il lettore può facilmente immedesimarsi. Le loro storie e le loro interazioni rendono la lettura del libro piacevole e coinvolgente.

La trama 

Il romanzo “Tutti i particolari in cronaca” è ambientato ad Aosta e dintorni e racconta le vicende del vicequestore Rocco Schiavone, un poliziotto burbero e ironico che si trova ad affrontare casi di omicidio e criminalità in una piccola comunità di montagna.

La storia inizia con il ritrovamento del cadavere di un uomo in un bosco vicino ad Aosta. La vittima è un noto imprenditore locale, e le prime indagini affidate al vicequestore Schiavone e al suo team portano alla luce una serie di segreti e di loschi affari.

Mentre Schiavone indaga sull’omicidio, si trova anche ad affrontare una serie di problemi personali. La sua relazione con la fidanzata Caterina è in crisi, e il vicequestore è tormentato dai sensi di colpa per un evento del suo passato.

Nel corso delle indagini, Schiavone si imbatte in un secondo omicidio, che sembra essere collegato al primo. I due casi si intrecciano e portano il vicequestore a scoprire una verità sconvolgente, che coinvolge alcuni personaggi insospettabili della comunità di Aosta.

Stile e tono: Il romanzo è scritto in uno stile ironico e graffiante. Il tono è cupo e suspenseful, con alcuni momenti di humor nero.

I temi principali del romanzo sono:

  • Il crimine e la giustizia: Il romanzo affronta il tema del crimine e della giustizia in una piccola comunità di montagna. Schiavone si trova ad indagare su una serie di omicidi che mettono a nudo la parte oscura della comunità di Aosta. Il vicequestore è un uomo tormentato dai sensi di colpa per un evento del suo passato, e la sua ricerca della giustizia è anche un modo per espiare le sue colpe.

  • I segreti e le bugie: I personaggi del romanzo sono tutti portatori di segreti e bugie, che vengono a galla nel corso delle indagini. La ricerca della verità da parte di Schiavone porta a scoperte sconvolgenti, che mettono in discussione le relazioni tra i personaggi e la loro stessa identità.

  • I sensi di colpa: Il vicequestore Schiavone è tormentato dai sensi di colpa per un evento del suo passato, che ha segnato la sua vita e le sue relazioni. Il romanzo esplora il tema del senso di colpa e del suo potere di condizionare le nostre azioni e le nostre scelte.

  • L’amore e la solitudine: Il romanzo esplora i temi dell’amore e della solitudine nella vita di un uomo solo come Schiavone. Il vicequestore ha un rapporto difficile con le donne, e la sua solitudine è accentuata dalla sua professione e dal suo carattere burbero.

Oltre a questi temi principali, il romanzo affronta anche altri temi, come:

  • Il rapporto tra uomo e natura: Il romanzo è ambientato in una suggestiva cornice montana, che diventa quasi un personaggio a sé stante. La natura è una fonte di bellezza e di ispirazione per Schiavone, ma anche un luogo di mistero e di pericolo.

  • Il rapporto tra potere e corruzione: Il romanzo esplora il tema del rapporto tra potere e corruzione, mostrando come le persone in posizione di potere possono essere tentate di abusare del loro ruolo per ottenere vantaggi personali.

  • Il valore della giustizia: Il romanzo riafferma il valore della giustizia e dell’importanza di perseguire la verità, anche a costo di sacrifici personali.

“Tutti i particolari in cronaca” è un romanzo ricco di temi e spunti di riflessione. La scrittura di Manzini è ironica e graffiante, ma sa anche essere profonda e toccante. Il romanzo è una lettura consigliata a tutti gli amanti del genere giallo e noir, ma anche a chi è interessato a esplorare i lati oscuri dell’animo umano.

Il verdetto

“Tutti i particolari in cronaca” di Antonio Manzini è un romanzo giallo di alta qualità che si distingue per la sua scrittura ironica e graffiante, per la trama avvincente e ricca di colpi di scena e per la complessità dei personaggi.

I punti di forza del romanzo, a mio modo di vedere, sono:

  • Lo stile di Manzini è inconfondibile: ironico, graffiante, capace di cogliere l’essenza delle cose con una battuta fulminante. Il suo humor nero è un perfetto contrappunto alla cupezza delle vicende narrate.
  • La trama del romanzo è avvincente e ricca di colpi di scena, che tengono il lettore incollato alle pagine fino all’ultima riga. Manzini è abile a creare suspense e a seminare indizi che il lettore può raccogliere per provare a risolvere il mistero insieme al vicequestore Schiavone.
  • I personaggi del romanzo sono ben delineati e complessi. Schiavone è un protagonista antieroico, tormentato dai sensi di colpa e dalla solitudine, ma anche dotato di un forte senso della giustizia e di una grande umanità. Gli altri personaggi, come Piera De Luca, Sebastiano Zampieri e Furio Tartaglia, sono ben caratterizzati e contribuiscono a rendere la storia più ricca e interessante.

Per contro, i punti di debolezza del romanzo ritengo siano:

  • Alcuni stereotipi: Il romanzo presenta alcuni stereotipi, come la figura del giornalista arrivista o del politico corrotto.
  • Il finale: Il finale del romanzo è un po’ troppo frettoloso e lascia alcune questioni in sospeso.

In definitiva, “Tutti i particolari in cronaca” è un romanzo ben scritto, avvincente e con personaggi complessi. Un giallo di alta qualità che piacerà agli amanti del genere e che non deluderà i fan di Antonio Manzini.

Valutazione: 4 stelle su 5

Note di merito:

  • La capacità di Manzini di creare atmosfere suggestive: Le descrizioni della montagna e della città di Aosta sono vivide e realistiche, e trasmettono al lettore un senso di inquietudine e di mistero.
  • L’introspezione psicologica dei personaggi: Manzini non si limita a delineare i caratteri dei suoi personaggi, ma ne esplora anche la psiche, le paure e le speranze.
  • Il messaggio di speranza che emerge dal romanzo: Nonostante la cupezza delle vicende narrate, il romanzo trasmette un messaggio di speranza. La giustizia, anche se a volte tarda ad arrivare, trionfa sempre.

Consiglio questo romanzo a tutti gli amanti del genere giallo e noir, ma anche a chi è interessato a leggere una storia ben scritta e ricca di spunti di riflessione.

Buona lettura.

Iscriviti al canale YouTube

Altri articoli della stessa categoria:

Fine degli Articoli relativi a questa Categoria

LE TUE PRATICHE dove vuoi quando puoi

Cerca