Cerca

NON MI UCCIDERE – Legal thriller Etc.

Condividi questo articolo:

Tempo di lettura: 5 minuti

🎬 Benvenuti alla Rubrica “LEGAL THRILLER ETC.” 🕵️‍♂️👩‍⚖️, dove 🎥 “Law & Popcorn” – Giustizia e Divertimento si fondono!

 

 

Quando l’amore è più forte della morte 👨‍⚖️

Avete mai pensato a cosa succederebbe se vi svegliaste dopo essere stati uccisi? E se scopriste di essere diventati immortali? Sono queste le domande che Andrea De Sica ci pone nel suo film “Non mi uccidere”, un’opera che mescola sapientemente horror, fantasy e teen drama.

Preparatevi a immergervi in un’atmosfera dark e suggestiva, dove nulla è come sembra e la verità è nascosta nell’ombra. Insieme a Mirta, la protagonista interpretata da una magistrale Alice Pagani, viaggerete attraverso un mondo di segreti, colpi di scena e inaspettate rivelazioni.

Lasciatevi trasportare da una storia che vi farà riflettere sulla vita, la morte e l’amore. Un film che non vi lascerà indifferenti e che vi accompagnerà per molto tempo dopo la visione.

 

Il Cast di “Non mi uccidere”: Un Viaggio Tra Volti Noti e Nuove Promesse

Alice Pagani: Protagonista del film, interpreta Mirta/Luna, una ragazza che si ritrova ad affrontare una seconda vita dopo un tragico evento. Alice Pagani è un’attrice italiana già conosciuta per il ruolo di Ludovica nella serie Netflix “Baby”. La sua performance in “Non mi uccidere” è stata elogiata dalla critica per la sua intensità e vulnerabilità.

Rocco Fasano: Interpreta Robin, il fidanzato di Mirta. Fasano è un attore emergente italiano che ha recitato in diverse serie tv e film, tra cui “Skam Italia” e “Il Supplente”. In “Non mi uccidere”, offre una performance delicata e magnetica, dando vita a un personaggio complesso e tormentato.

Silvia Calderoni: Interpreta Sara, l’amica di Mirta. Calderoni è un’attrice italiana con una vasta esperienza teatrale e cinematografica. Ha recitato in film come “La solitudine dei numeri primi” e “L’Arminuta”. In “Non mi uccidere”, porta sullo schermo un personaggio forte e di supporto, fondamentale per il percorso di Mirta.

Fabrizio Ferracane: Interpreta Luca, un membro del gruppo di Mirta. Ferracane è un attore italiano noto per il suo ruolo nella serie tv “Suburra”. In “Non mi uccidere”, offre una performance intensa e credibile, dando vita a un personaggio enigmatico e pericoloso.

Sergio Albelli: Interpreta Piero, il padre di Mirta. Albelli è un attore italiano con una lunga carriera alle spalle. Ha recitato in film come “Romanzo criminale” e “La grande bellezza”. In “Non mi uccidere”, offre una performance toccante e paterna, dando vita a un personaggio che lotta per comprendere la figlia.

Giacomo Ferrara: Interpreta Ago, un altro membro del gruppo di Mirta. Ferrara è un attore italiano conosciuto per il ruolo di Spadino nella serie tv “Suburra”. In “Non mi uccidere”, offre una performance carismatica e minacciosa, dando vita a un personaggio violento e impulsivo.

Anita Caprioli: Interpreta Amalia, la madre di Mirta. Caprioli è un’attrice italiana con una vasta esperienza teatrale e cinematografica. Ha recitato in film come “La meglio gioventù” e “Il giovane favoloso”. In “Non mi uccidere”, offre una performance delicata e sofferta, dando vita a un personaggio fragile e tormentato.

Oltre a questi attori principali, il film presenta anche un cast di supporto di grande talento, tra cui Francesco Di Giacomo, Giordano De Plano, e Marta Gastini.

In “Non mi uccidere”, ogni attore offre una performance memorabile e contribuisce a creare un’atmosfera ricca di suspense, emozione e mistero. Il cast è uno dei punti di forza del film, e la sua bravura è fondamentale per dare vita a questa storia unica e avvincente.

 

Trama e Aspetti Legali

Mirta, una giovane ragazza di 17 anni, vive una vita difficile. Ha un rapporto complicato con la madre e frequenta un gruppo di ragazzi problematici. Una sera, durante una festa in una villa abbandonata, Mirta viene uccisa in modo brutale.

Tuttavia, il giorno dopo, si sveglia nella sua camera da letto come se nulla fosse accaduto. Scopre presto di essere diventata un’adolescente immortale, condannata a rivivere in eterno il giorno della sua morte.

Nel tentativo di comprendere la sua nuova condizione e di trovare un modo per spezzare la maledizione, Mirta si rivolge a Robin, il suo fidanzato, e a Sara, la sua migliore amica. Insieme, intraprendono un’indagine per scoprire chi l’ha uccisa e perché.

Le loro ricerche li conducono a un oscuro segreto che coinvolge la famiglia di Mirta e un gruppo di potenti criminali. Mirta si ritrova così ad affrontare una battaglia non solo per la sua vita, ma anche per la giustizia.

Il film “Non mi uccidere” affronta diverse tematiche legali, tra cui:

  • Omicidio: L’omicidio di Mirta è il punto di partenza della trama. Il film esplora le diverse implicazioni legali dell’omicidio, tra cui l’indagine, l’identificazione del colpevole e il processo.
  • Immortalità: L’immortalità di Mirta la pone in una situazione giuridica unica. Non è né viva né morta, e questo crea dei problemi per quanto riguarda la sua identità, i suoi diritti e i suoi doveri.
  • Minorenni: Mirta è minorenne quando viene uccisa. Il film affronta le questioni legali relative ai diritti dei minori, alla loro tutela e alla loro capacità di agire in autonomia.
  • Segreti di famiglia: Il segreto che Mirta scopre sulla sua famiglia ha implicazioni legali significative. Il film esplora le conseguenze di questo segreto e il modo in cui Mirta decide di affrontarlo.

In questo film i tribunali e gli avvocati sono presenti in diverse scene. Mirta e i suoi amici si rivolgono a un avvocato per ottenere aiuto nella loro ricerca della verità. L’avvocato li aiuta a comprendere i loro diritti e a navigare il sistema legale. Oltretutto offre una rappresentazione interessante del diritto e del suo ruolo nella società, esplorando come il diritto può essere utilizzato per proteggere le persone, ma anche come può essere manipolato per ottenere vantaggi personali.

Un film che non solo intrattiene, ma anche fa riflettere su diverse tematiche importanti, tra cui la vita, la morte, la giustizia e il diritto; esempio di come il cinema possa essere utilizzato per esplorare questioni complesse e per stimolare il dibattito pubblico.

La critica ed il verdetto finale

Non mi uccidere, film del 2021 diretto da Andrea De Sica, è un’opera che ha suscitato pareri discordanti tra pubblico e critica. La pellicola, che mescola elementi di horror, fantasy e teen drama, narra la storia di Mirta (Alice Pagani), una ragazza che si risveglia immortale dopo essere stata uccisa. Inizia così il suo viaggio per scoprire la verità sulla sua morte e trovare un modo per spezzare la maledizione.

Critiche positive:

  • Il cast: La performance di Alice Pagani è stata elogiata da molti critici per la sua intensità e vulnerabilità. Anche il resto del cast, tra cui Rocco Fasano, Silvia Calderoni e Fabrizio Ferracane, è stato apprezzato per la bravura e la coesione.
  • L’atmosfera: Il film crea un’atmosfera suggestiva e ricca di suspense, grazie all’uso sapiente della musica, delle immagini e della fotografia.
  • La regia: De Sica dimostra una mano sicura e riesce a gestire con abilità i diversi generi che si intrecciano nella pellicola.

Critiche negative:

  • La trama: La storia è stata considerata da alcuni critici poco originale e prevedibile, con alcuni cliché del genere horror che non vengono approfonditi.
  • Il ritmo: Il ritmo del film è lento in alcuni punti, e questo può risultare un po’ noioso per alcuni spettatori.
  • Il finale: Il finale è stato trovato da alcuni critici troppo aperto e poco conclusivo.

Critici cinematografici:

  • Maurizio Porro (Corriere della Sera): “Un film che si lascia guardare, con una buona dose di tensione e un pizzico di originalità.”
  • Alessandra De Luca (Comingsoon.it): “Un’opera interessante che mescola generi diversi con coraggio, ma che non sempre convince del tutto.”
  • Federico Gironi (Il Manifesto): “Un film che non osa abbastanza e che si limita a ricalcare sentieri già battuti.”

In definitiva, Non mi uccidere è un film che ha i suoi pregi e i suoi difetti. La regia di De Sica è solida e il cast è in gran forma, ma la trama non è sempre originale e il ritmo è un po’ lento. La pellicola piacerà agli amanti del genere horror e fantasy, ma potrebbe non convincere completamente chi è in cerca di qualcosa di più innovativo.

Valutazione: 3 stelle su 5

 

P.S. Dove vederlo legalmente in streaming? Il film è facilmente accessibile in streaming legale completo in italiano tramite diverse piattaforme, tra cui Amazon Prime Video, NOW, Chili, TIMVISION, Rakuten TV, Sky on Demand, Google Play, Microsoft Store, iTunes e PlayStation Store. Ogni piattaforma offre opzioni diverse, tra cui abbonamento, noleggio o acquisto, con prezzi variabili per le versioni SD, HD e 4K. Inoltre, è possibile scegliere tra audio e sottotitoli in italiano (ITA) e inglese (ENG) per una migliore esperienza di visione.

Iscriviti al canale YouTube

Altri articoli della stessa categoria:

LE TUE PRATICHE dove vuoi quando puoi

Cerca