Cerca

GUIDA VELOCE PER LA REGISTRAZIONE DEL TITOLARE EFFETTIVO

Condividi questo articolo:

Tempo di lettura: 4 minuti

Premessa.

A seguito della pubblicazione dei decreti attuativi del D.M. 11 marzo 2022, n. 55, è stato finalmente reso operativo il Registro dei Titolari Effettivi in Italia che, a decorrere dal 9 ottobre 2023, obbliga le imprese-persone giuridiche, le persone giuridiche private, i trust e gli istituti giuridici affini ai trust operanti in Italia alla comunicazione di dati e informazioni sulla loro titolarità effettiva, entro il termine dell’11 dicembre 2023.

I soggetti costituiti successivamente al 9 ottobre 2023 dovranno, invece, provvedere alla comunicazione del titolare effettivo entro 30 giorni dall’iscrizione nei rispettivi registri (nel caso di imprese e persone giuridiche private), o dalla data di costituzione (nel caso di trust e di mandati fiduciari).

Cos’è il Registro dei titolari effettivi?

Il Registro dei titolari effettivi è un mezzo volto a promuovere la trasparenza nella proprietà delle entità giuridiche e a prevenire e contrastare l’uso del sistema economico e finanziario a scopo di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo, rendendo accessibili le informazioni sulla titolarità effettiva ai soggetti sottoposti agli obblighi di adeguata verifica della clientela ai sensi del D.lgs.231/2007- Decreto Antiriciclaggio (tra cui banche, intermediari finanziari, SIM, imprese di assicurazione, professionisti, operatori non finanziari e altri soggetti obbligati).

Il Registro dei Titolari Effettivi è costituito da due sezioni del Registro delle imprese al cui interno devono essere indicate le informazioni relative alla titolarità effettiva:

  • la sezione ordinaria conterrà i dati dei titolari effettivi di imprese dotate di personalità giuridica (S.r.l., S.p.A., S.A.P.A., cooperative, società consortili e di mutuo soccorso) e persone giuridiche private (associazioni e comitati riconosciuti, fondazioni);
  • la sezione speciale conterrà, invece, i dati dei titolari effettivi di trust produttivi di effetti giuridici rilevanti ai fini fiscali e istituti giuridici affini.

Sei l’amministratore di imprese dotate di personalità giuridica tenute all’iscrizione nel registro delle imprese, il fondatore, rappresentante o amministratore di persone giuridiche private, il fiduciario di trust produttivi di effetti giuridici rilevanti ai fini fiscali o di istituti giuridici affini e ti sei chiesto come effettuare la comunicazione nel rispetto della normativa in vigore?

Vuoi sapere quali possono essere le conseguenze se non effettui la comunicazione, se la effettui in ritardo, se dichiari il falso?

In questo articolo la mia risposta alle Tue domande.

 

Come effettuare la comunicazione

La comunicazione del titolare effettivo è rivolta all’ufficio del registro delle imprese della Camera di Commercio territorialmente competente ed è effettuata con invio telematico mediante il modello della Comunicazione Unica e lo specifico modulo digitale TE, approvato dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy con Decreto 12 aprile 2023 (v. art. 3 comma 5 del Decreto) e in esenzione da imposta di bollo da parte dell’ente obbligato.

Attenzione, però, al fatto che la comunicazione della titolarità effettiva non può essere inviata contestualmente ad altre istanze o denunce da presentare all’ufficio del registro delle imprese (unica eccezione, ai sensi dell’art.3, c.3 del Decreto, è rappresentata dalla comunicazione periodica annuale di “conferma”: le imprese dotate di personalità giuridica possono infatti inviarla all’ufficio del registro delle imprese contestualmente al deposito del bilancio d’esercizio).

L’avvio operativo del registro avviene mediante una fase di “primo popolamento”. 

Per comunicare i dati del Titolare Effettivo è possibile utilizzare:

– il nuovo applicativo DIRE,

– oppure le altre soluzioni di mercato, aggiornate con la modulistica ministeriale per la compilazione e l’invio delle istanze.

È necessario aver sottoscritto un contratto per l’utilizzo del servizio Telemaco, disporre di un dispositivo di Firma Digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC), per ricevere le comunicazioni da parte della Camera di Commercio.

  • Cosa si deve comunicare

Le imprese dotate di personalità giuridica dovranno comunicare:

  • l’entità della partecipazione al capitale dell’ente da parte della persona fisica indicata come titolare effettivo,
  • oppure, laddove il titolare effettivo non sia individuato in forza dell’entità della partecipazione, le modalità di esercizio del controllo,
  • ovvero, in ultima istanza, i poteri di rappresentanza legale, amministrazione o direzione dell’ente, esercitati dalla persona fisica indicata come titolare effettivo;

Le persone giuridiche private dovranno comunicare:

  • il codice fiscale;
  • la denominazione dell’ente;
  • la sede legale e, ove diversa da quella legale, la sede amministrativa dell’ente;
  • l’indirizzo di posta elettronica certificata;

I trust e gli istituti giuridici affini dovranno comunicare:

  • il codice fiscale;
  • la denominazione del trust o dell’istituto giuridico affine;
  • la data, il luogo e gli estremi dell’atto di costituzione del trust o dell’istituto giuridico.

 

Sanzioni per omessa e ritardata comunicazione

Nel caso di omessa comunicazione dei dati del titolare effettivo, ogni soggetto tenuto a tale comunicazione verrà punito con una sanzione amministrativa pecuniaria da Euro 103 a Euro 1.032 (art. 21, comma 1, D. Lgs. 231/2007; art. 2630, comma 1, c.c.). La sanzione amministrativa pecuniaria è ridotta a un terzo se la comunicazione avviene nei trenta giorni successivi alla scadenza dei termini prescritti.

Inoltre, salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque essendo obbligato alla comunicazione delle informazioni sul titolare effettivo fornisca dolosamente dati falsi o informazioni non veritiere, è punito con la reclusione da 6 mesi a 3 anni e con la multa da Euro 10.000 a Euro 30.000.

 

DISCLAIMER La presente nota ha il solo scopo di fornire informazioni di carattere generale. Non è un parere legale né può sostituirsi ad una consulenza legale specifica.

 

Leggi l’articolo d’approfondimento qui

Scarica la Guida Veloce per la Registrazione del Titolare Effettivo da qui

 

Ti ricordiamo anche, per il tuo studio professionale, la…
Certificazione degli studi professionali, tra i vantaggi costi assicurativi ridotti e premialità nei concorsi pubblici

 

Iscriviti al canale YouTube

LE TUE PRATICHE dove vuoi quando puoi

Cerca