Cerca

ESTRATTI CONTO NON PRODOTTI IN GIUDIZIO… IL TRIBUNALE AMMETTE LA CTU

Avv. Alessandra De Benedittis

UN ALTRO IMPORTANTE PROVVEDIMENTO OTTENUTO IN DIRITTO BANCARIO DA RENNA STUDIO LEGALE con l’avv. Alessandra De Benedittis: Ordinanza Tribunale di Lecce, 23.02.2024.

Di primo acchito, quanto è accaduto potrebbe sembrare fantascienza, soprattutto per gli addetti ai lavori, che sanno bene quanto sia importante la produzione in giudizio degli estratti conto nel contenzioso bancario. Ma, in realtà, il provvedimento ottenuto non è altro che il frutto dell’applicazione dei principi del nostro ordinamento processuale.

Il rappresentante legale di una società si rivolge allo Studio riferendo di aver agito in giudizio, diversi anni prima, verso un determinato istituto di credito per ottenere la ripetizione delle somme indebitamente versate allo stesso. Tuttavia, i precedenti difensori avevano omesso di produrre in giudizio gli estratti conto. Il CTU nominato aveva dichiarato di essere nell’impossibilità di assolvere al proprio incarico in assenza di produzione in giudizio degli estratti conto. Il Giudice aveva, pertanto, revocato l’ordinanza ammissiva della CTU per non avere parte attrice allegato gli estratti dei conti correnti e aveva rinviato per la precisazione delle conclusioni.

Di fronte ad una situazione simile ci stava ben poco da fare. Non era stato assolto l’onere probatorio ed ormai era maturata ogni preclusione istruttoria.

Sennonché, studiando gli atti di causa, è stato possibile notare che la relazione tecnica di parte prodotta in giudizio riproduceva il contenuto di tutti gli estratti conto e l’intero contraddittorio tra le parti era avvenuto sulla base della stessa relazione di parte. Le allegazioni attoree si riferivano costantemente alla relazione suddetta e controparte non ne aveva mai contestato i dati riportati ma solo le conclusioni cui la stessa giungeva. Anzi, in diversi momenti processuali, controparte riconosceva implicitamente come conforme all’originale il contenuto riprodotto nella relazione di parte e si limitava a svolgere le proprie difese.

In sede di comparsa conclusionale, si chiedeva, pertanto, al Tribunale, sulla base di tali argomentazioni, di rimettere la causa sul ruolo e di ammettere la CTU sulla base del contenuto della relazione di parte.

Il Tribunale, quindi, rilevava, che, pur non essendo stati prodotti gli estratti conto, tuttavia “i dati relativi a detti estratti conto risultano trasfusi nella documentazione di calcolo allegata alla c.t.p. di parte attrice; c.t.p. della quale parte convenuta ha espressamente contestato soltanto le risultanze e non anche la rispondenza al vero dei dati di calcolo inseriti; ritenuto, dunque, effettivamente esperibile la già disposta consulenza tecnica sulla base della documentazione in atti”.

Il Tribunale ha rimesso, pertanto, la causa sul ruolo istruttorio e ha disposto la CTU contabile.

 

PROVVEDIMENTO DEL TRIBUNALE DI LECCE

LE TUE PRATICHE dove vuoi quando puoi

Cerca