Cerca

Cessione quote societarie in violazione della clausola statutaria di prelazione.

Avv. Riccardo Renna

Renna studio legale, con l’avv. Riccardo Renna, vince al Tribunale di Campobasso – Sezione specializzata in materia di imprese

Il fatto

Nel 2019, la società W_ s.r.l. ha ceduto le proprie quote di partecipazione al capitale sociale di un’azienda attiva nel settore delle energie rinnovabili a A___ s.r.l., violando il patto di prelazione stabilito nello statuto a favore degli altri soci.

La società e due dei suoi soci si sono affidati a Renna studio legale e hanno intentato, con l’avv. Riccardo Renna, una causa presso la Sezione specializzata in materia di imprese del Tribunale di Campobasso contro W_ s.r.l. e A_ s.r.l. al fine di ottenere la dichiarazione di inefficacia dell’atto di cessione, la cancellazione dell’atto dal registro delle imprese e un risarcimento dei danni.

La decisione del Tribunale di Campobasso – Sezione specializzata in materia di imprese

Il Tribunale di Campobasso, con la sentenza n. 862/2023, ha accolto le richieste della società e dei soci danneggiati. Ha dichiarato l’inefficacia del trasferimento delle quote in violazione della clausola statutaria di prelazione, ordinando la cancellazione dell’atto dal registro delle imprese. Inoltre, ha condannato il cedente e il cessionario delle quote a risarcire i soci danneggiati, stabilendo una somma di € 48.119,57 per ogni socio, oltre agli interessi legali.

Le ragioni della decisione del Tribunale

Il Tribunale ha motivato la sua decisione affermando che i convenuti non hanno dimostrato di aver comunicato preventivamente la cessione agli altri soci come previsto dal patto di prelazione. Di conseguenza, la cessione delle quote è stata dichiarata inefficace e l’atto è stato cancellato dal registro delle imprese. Inoltre, il Tribunale ha stabilito che il risarcimento del danno doveva essere equitativo in base all’interesse specifico dei soci danneggiati all’acquisto delle quote.

Il risarcimento del danno stabilito

Il Tribunale ha quantificato il risarcimento del danno in € 48.119,57 per ogni socio danneggiato, includendo rivalutazione e interessi compensativi. Gli interessi legali sono stati applicati dalla data della pronuncia fino al saldo.

Conclusioni

La sentenza del Tribunale di Campobasso ha stabilito l’inefficacia della cessione delle quote di una società in violazione della prelazione. Inoltre, ha condannato il cedente e il cessionario delle quote a risarcire in via solidale i soci danneggiati. La decisione si basa sul mancato rispetto delle disposizioni statutarie e sull’interesse specifico dei soci pretermessi all’acquisto delle quote.

 


 

SCHEDA:

Avv. Riccardo Renna (Socio fondatore e Patrocinante in Cassazione)

AREE DI ATTIVITÀ:

Gestione dei rapporti commerciali

Gestione dei rapporti societari

LE TUE PRATICHE dove vuoi quando puoi

Cerca