Cerca

Caringella: 10 lezioni sulla giustizia

Condividi questo articolo:

Mercoledi 27 settembre 2017  a Roma presso il Teatro Italia si è tenuta la prima presentazione ufficiale del saggio del Dott. Francesco Caringella, Presidente di Sezione del Consiglio di Stato, Presidente della Commissione di Garanzia presso l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e Giudice del Collegio di garanzia per lo Sport presso il CONI. Autore di numerose opere giuridiche e di testi di narrativa e saggi.

La redazione de lorasalento.it   ha avuto modo recentemente di assistere alla presentazione del Saggio “La Corruzione Spuzza” scritto a 4 mani con un altro big della Magistratura, Raffaele Cantone ora Presidente della ANAC, ecco che la prima di un Saggio tanto attuale e che sicuramente costituirà un successo editoriale  non poteva sfuggire all’attenzione del nostro giornale grazie ad un inviato d’eccezione l’Avv. Vincenzo Candido Renna. Oltre ad assistere ad un dibattito interessante dell’autore con altri autorevoli protagonisti del mondo della Giustizia, quali sono : l’immancabile dott. Cantone, dott. Giovanni Canzio Primo Presidente della Corte di Cassazione, dott. Giovanni Legnini, Vice Presidente CSM e il sottosegretario alla Giustizia dott. Gennaro Migliore moderatore Francesco Giorgino volto di punta del TG1, il nostro inviato speciale dopo aver letto ci ha offerto anche una sua personale recensione che pubblichiamo di seguito con le immagini della serata.

  10  LEZIONI SULLA GIUSTIZIA PER CITTADINI CURIOSI E PERPLESSI.

di Vincenzo Candido Renna _Al di là di ogni ragionevole dubbio, mi sembra di poter dire che il saggio raggiunge l’ambizioso obiettivo prefissatosi nel titolo, quello di spiegare a cittadini curiosi e perplessi cosa è la giustizia.

Il lettore assiste ad una copula di due saperi: quello giuridico e quello letterario che l’autore con raffinata saggezza riesce ad orientare verso la dimensione umana del vivere comune.

L’autore  usa un linguaggio privo dalle ataviche incrostazioni semantiche, proprie del classico giuridichese, pieno di legalismi e latinorum da Azzeccagarbugli di Manzoniana memoria, che col tempo hanno contribuito ad esasperare lo strappo che ad oggi continua a consumarsi tra operatori del diritto e fruitori dello stesso; proprio quei cittadini inermi e passivi dinanzi all’esplicarsi del diritto e per questo perplessi e curiosi; come la madre, che interroga il figlio magistrato sul perché delle aporie della giustizia o il nonno mezzadro, vincitore e vinto dalla macchina infernale del Tribunale.

Ecco che, la letteratura unisce il giurista alla collettività più ampia della quale fa parte, ed ecco che il lettore nello scorrere delle pagine ha l’impressione di ritrovarsi in uno carrozza di un treno che viaggia sui binari della giustizia e ad ogni stazione ne coglie, sfumature, dettagli, sostanza, arricchendosi di dubbi più che di certezza  pur trovando molte risposte alle tante domande.

Un viaggio all’interno di errori ed orrori giudiziari a partire dal <<Crucifige>>, la condanna democratica inflitta a Gesù Cristo, ovvero, la bellezza della dignità di Socrate nel subire l’ingiustizia scegliendo la pena giusta per lui, la morte che a proposito <<…. nessuno sa che cosa sia o se non sia per l’uomo il maggiore di tutti i beni>> nella consapevolezza propria dei grandi del pensiero umano <<…che è meglio subirla una ingiustizia  piuttosto che farla>>.

La fotografia delle mani dell’imputato, sulla grata gelida della gabbia nell’aula giudiziaria in attesa del responso finale, rappresentano l’immagine nitida della drammaticità insita nel giudicare, che impone senso di responsabilità , capacità di comprensione dei fatti e degli stati d’animo, ma anche e soprattutto rispetto delle regole del processo e della legge in generale.

Quella legge che, la Costituzione impone quale paratia indissolubile per il Giudice ed in omaggio alla stessa, per cui , è corretto assolvere un colpevole se le prove della colpevolezza sono inutilizzabili in quanto assunte in modo contrario alla legge. Il rigore e la drammaticità di questo principio offrono al lettore curioso e perplesso lo strumento per interpretare tante sentenze apparentemente ingiuste e, quindi incomprensibili offre la possibilità di comprendere il vero significato di garanzia quale  corollario imprescindibile della democrazia in cui viviamo.

Tante riflessioni sulla giustizia e sul diritto ognuna intrisa di rinvii a pensatori illustri non solo del mondo del diritto, ma anche della letteratura e della filosofia.

Tante le domande che il Giudice Caringella, prima che lo scrittore, volutamente lascia senza risposta, poiché non vi è certezza nella Giustizia, se non nelle cose che non vanno, la lungaggine dei processi, l’ipertrofia normativa, assetti organizzativi non al passo con i tempi.

Chiara ed evidente  la critica all’eccesso di giustizialismo ed al tentativo interessato e strumentalizzato da molti di riconoscere alle toghe della magistratura un ruolo supplente rispetto ad una politica troppo spesso incapace rispetto ai bisogni della comunità.

Bella la conclusione, Caringella non assolve la magistratura, ma come non condividere la sua chiamata di correo, a ciascuno di noi, portatore <<sano>> e partecipe di quel diritto di sovranità che in ogni sentenza viene ricordato.

Chiaramente, il viaggio non può fermarsi qui e io resto fermo nella mia carrozza in attesa che il treno riparta sino alla prossima stazione …….

Iscriviti al canale YouTube

Altri articoli della stessa categoria:

LE TUE PRATICHE dove vuoi quando puoi

Cerca