Cerca

Avv. VINCENZO CANDIDO RENNA | Socio Fondatore | Patrocinante in Cassazione

Avv. VINCENZO CANDIDO RENNA | Socio Fondatore | Patrocinante in Cassazione

Le domande sono una ginnastica etica che aiutano a considerare la variabile morale nelle decisioni quotidiane.

Da sempre pratico questo sport abbinandolo ad un’altra passione: la “coltivazione diretta dei dubbi”.

Con questo spirito offro la mia professionalità e ricerca ormai ventennale nel campo della compliance ex d.lgs. 231/01 e Anticorruzione alle Aziende.

Ritengo che che il vero indicatore di successo per qualsiasi Ente collettivo sia vivere costantemente il binomio responsabilità ed etica avendo chiaro il valore sociale dell’agire.

Implementare sistemi adeguati di controllo appare quindi una discriminante irrinunciabile per posizionarsi con successo sul mercato di riferimento.

L’inadeguatezza degli assetti organizzativi costituisce, infatti, la prima causa di fallimento di un’azienda che, senza una adeguata compliance, non potrà mai competere con le altre imprese.

La reputazione costituisce, infatti, un indicatore di affidabilità, un credito riconosciuto dal mercato, che presuppone una capacità organizzativa e tecnica di controllo da parte del management aziendale.

L’Etica non può inquadrarsi solo come un catalogo di norme ma anche e soprattutto nel rispetto di una tradizione di valori, di un patrimonio trasmesso, cristallizzato nel tempo e confermato dall’esperienza, in virtù della quale si risponde delle proprie condotte alla comunità, ai nostri padri e ai nostri figli.

L’etica discende sempre da una civiltà e non solo da un codice giuridico e tantomeno da un regolamento scritto, genera un’estetica, ossia uno stile e un decoro.

Tradizione è connessione, collegarsi a un passato, il futuro diventa cosi un contesto condiviso nel presente, che parte da lontano.

Dinanzi alla crescente complessità del quadro normativo, la corporate compliance può assurgere la funzione di garantire flessibilità ed economicità dei processi, nell’ottica della continuità aziendale e della sostenibilità.

Rendersi disponibile all’incontro significa riuscire a fargli spazio e concedergli tempo ed ecco che alcuni incontri fortunati hanno dato senso alla mia vita.

A partire da quello con mia moglie Grazia (nomen omen) nonché madre delle mie gioie più grandi Alessia e Giorgia, il mio primo datore di lavoro Sergio Scorza e tre avvocati importanti – grandi Maestri, in ordine cronologico: Mario Tonucci – Riccardo Troiano e Luca R. Perfetti, a tutti la mia profonda gratitudine per i preziosi insegnamenti che hanno contribuito a rendermi credibile.

BIGLIETTO DA VISITA >

LE TUE PRATICHE dove vuoi quando puoi

Cerca