Cerca

ALLEGRI: LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA?

Condividi questo articolo:

Tempo di lettura: 3 minuti

Allegri Sotto Esame: Possibile Licenziamento per Giusta Causa

Nonostante la vittoria della Coppa Italia, un risultato sportivo certamente favorevole per la Juventus, l’attenzione si è spostata su una vicenda che ha offuscato il trionfo bianconero.

La condotta del tecnico Massimiliano Allegri durante e dopo la partita ha sollevato interrogativi non solo tra i tifosi, ma anche tra gli esperti di diritto sportivo, mettendo in discussione il suo futuro alla guida del club.

Secondo fonti stampa (Fonte: La Juve valuta l’addio immediato con Allegri. Il futuro è Motta | Gazzetta.it), gli avvocati della Juventus stanno valutando se esistono gli estremi per un licenziamento per giusta causa.

Questo tipo di licenziamento, regolamentato dall’articolo 2119 del Codice Civile, è applicabile quando il comportamento del dipendente è talmente grave da giustificare l’interruzione immediata del rapporto di lavoro senza preavviso.

Nel caso di Allegri, le immagini del suo comportamento dentro e fuori dal campo dell’Olimpico di Roma sono diventate virali, danneggiando l’immagine del club.

Se la Juventus riuscisse a dimostrare che Allegri ha violato il codice di comportamento interno, potrebbe risparmiare notevolmente sui costi associati al suo contratto, che ammonta a 7 milioni di euro netti a stagione più 2 milioni di bonus fino al 2025.

In totale, il risparmio lordo per il club potrebbe arrivare a circa 13 milioni di euro.

 

Esaminando il Contratto: Esclusività e Mobilità nel Calcio

Il rapporto tra club e allenatore è caratterizzato da una forte componente fiduciaria e da una mobilità intrinseca che differenzia questi contratti da quelli dei normali lavoratori dipendenti.

Gli allenatori, come gli atleti, sono spesso legati da contratti a termine, disciplinati in modo specifico dal D.Lgs. 36/2021.

Questo decreto prevede che i lavoratori sportivi, inclusi gli allenatori, non godano di tutte le tutele previste per gli altri lavoratori dipendenti, rendendo più flessibile la gestione dei loro contratti.

 

Esonero o Licenziamento: Due Strade Divergenti

Nel caso di esonero, Allegri verrebbe sollevato dai suoi doveri ma continuerebbe a percepire il suo stipendio fino alla scadenza naturale del contratto, il 30 giugno 2025.

Questa soluzione comporterebbe per la Juventus l’onere di pagare due allenatori nello stesso periodo, una situazione economicamente svantaggiosa.

Il licenziamento per giusta causa, al contrario, permetterebbe al club di interrompere immediatamente il rapporto senza ulteriori obblighi finanziari nei confronti di Allegri.

Tuttavia, questa strada richiede prove concrete e inconfutabili delle violazioni commesse dal tecnico.

 

Le Dinamiche dei Rapporti di Lavoro Sportivo

La situazione di Allegri offre un’opportunità per riflettere sulle particolarità dei rapporti di lavoro nel mondo dello sport.

Questi contratti sono spesso a termine e caratterizzati da una flessibilità maggiore rispetto ai contratti di lavoro standard, in parte per via della necessità di adattarsi rapidamente alle dinamiche del settore.

Il carattere fiduciario del rapporto tra club e allenatore rende questi contratti particolarmente delicati, poiché una perdita di fiducia può portare alla risoluzione anticipata del contratto.

 

Conclusioni

La Juventus si trova di fronte a una decisione cruciale che potrebbe avere importanti ripercussioni finanziarie e sportive.

La valutazione degli avvocati del club sarà determinante per stabilire se procedere con l’esonero o il licenziamento per giusta causa di Massimiliano Allegri.

Qualunque sia la decisione finale, questa vicenda mette in luce le complessità e le peculiarità dei rapporti di lavoro nel calcio professionistico, dove la fiducia e l’immagine del club giocano un ruolo fondamentale.

 

Aggiornamento

Allo stato la notizia è quella dell’esonero, come da comunicato stampa che sta circolando in queste ultime ore

La Juventus comunica di avere sollevato Massimiliano Allegri dall’incarico di allenatore della Prima Squadra maschile.

 L’esonero fa seguito a taluni comportamenti tenuti durante e dopo la finale di Coppa Italia che la società ha ritenuto non compatibili con i valori della Juventus e con il comportamento che deve tenere chi la rappresenta.

Si conclude un periodo di collaborazione, iniziato nel 2014, ripartito nel 2021 e terminato dopo le ultime 3 stagioni insieme con la Finale di Coppa Italia.

La società augura a Massimiliano Allegri buona fortuna per i suoi progetti futuri.

Difficile pensare che si tratti di un semplice sollevamento dall’incarico….vedremo gli sviluppi nei prossimi giorni, quando la cortina di fumo attorno a questa vicenda si sarà diradata.

 

Avv. Pierandrea Fulgenzi

Iscriviti al canale YouTube

Altri articoli della stessa categoria:

LE TUE PRATICHE dove vuoi quando puoi

Cerca